toa-heftiba-FV3GConVSss-unsplash

Progettare la propria casa

Progettare la propria abitazione, o anche quella di amici e parenti, può essere un’esperienza stimolante e piacevole.  Materializzare il proprio gusto, attraverso la scelta di mobilia, colori e decorazioni può dare soddisfazioni estetiche ed economiche rendendo ancora più attraente il luogo in cui si vive.

Spesso però non si sa da dove partire e ci si dirige subito sui siti di arredo per individuare i pezzi che servono. Questo approccio può portare i suoi frutti nei casi in cui abbiamo le idee molto chiare ma può diventare un circolo vizioso in balia del marketing, futilità e sperpero di denaro.

Se non si vuole o non si può coinvolgere un professionista dove posso partire per avviare la progettazione?

Che stiate progettando per voi stessi, per la vostra famiglia o amici e parenti i primi strumenti che vi servono sono carta, penna e qualche post-it. Questi semplici strumenti ci serviranno per razionalizzare le nostre idee e renderle intelligibili alle persone che ci aiuteranno nella realizzazione.

La prima domanda da farsi è quindi:

  1. Per chi sto progettando l’arredo? La risposta ci darà le prime indicazioni su chi considerare per raccogliere feedback sulle prime idee.
  2. Perché ho deciso di arredare casa o una parte di essa? Anche se in alcuni casi è scontato è  bene fissare  il perché ho deciso di arredare casa. La risposta potrebbe andare da una semplice esigenza di arredare uno spazio che ne è privo o migliorare l’esistente perché obsoleto, poco affine ai propri gusti o poco razionale.
  3. Parole Chiave: pensando all’arredo ideale, quali parole, aggettivi vi vengono in mente? Bene, segnatele su un foglio perché ci serviranno in seguito.
  4. Ispirazione. A questo punto cercate degli arredi online che potrebbero piacervi cercando di utilizzare le parole chiave appuntate. In questa fase non badate al costo, l’importante è avere dei riferimenti visivi poi in base alle possibilità economiche si cercherà di trovare il miglior compromesso.
  5. Prima Bozza: ora iniziamo ad entrare nel vivo della progettazione. Disegnate senza precisione matematica la vostra planimetria e iniziate a tracciare gli ingombri degli elementi di arredo che vi interessano, in questa fase è importante capire cosa e dove vorreste posizionarlo. Aiutatevi anche ritagliando delle sagome in modo da poter cambiare configurazione  facilmente. In questa fase non è fondamentale avere un progetto in scala ma è importante capire cosa ci serve e dove ci piacerebbe posizionarlo.
  6. Feedback: a questo punto coinvolgete più persone possibili e condividete la vostra prima idea. Sicuramente emergeranno pareri, idee utili ad affinare il vostro progetto. Coinvolgete anche le persone distanti dalla progettazione di interni, commenti utili possono arrivare da tutti e comunque.
  7. Prima ipotesi: elaborati i feedback avrete tra le mani la prima ipotesi di progetto, non vi resta quindi che stabilire un budget e in base a quello cercare i pezzi che vi servono e che rispecchiano i vostri gusti.

Leave a comment